Hindu Dharma

Ahimsa, non violenza, e gli altri grandi principi dello Yoga

Posted on

«Quindi la divinità, essendo buona, non sarà la causa di tutto, come dice la gente, ma sarà responsabile di poche vicende umane, non di molte, perché i beni che noi possediamo sono molto minori dei mali; e mentre la causa dei beni non va ricondotta ad altri che alla divinità, per i mali si deve ricercare una causa diversa». Platone, La Repubblica C’è un ordine deliberato nelle cinque parti o arti della pratica dello yama (autocontrollo). Ahimsa (non-violenza) è la prima, perché l’uomo deve rimuovere la sua natura brutale per prima. Per prima cosa deve diventare non violento, e deve sviluppare amore per tutti gli esseri. Solo allora sarà idoneo per la pratica dello yoga. Poi viene Satyam, veridicità. Perché l’intero fenomeno di maya (illusione) è Asat, irreale, l’aspirante deve esserne consapevole. Egli dovrebbe ricordare sempre la verità, Brahman. Poi viene asteya, non rubare. Poiché per sviluppare la coscienza morale, si deve discernere il bene dal male, la giustizia dall’ingiustizia, e si deve sapere che tutti gli esseri sono uno solo. Brahmacarya è un attributo divino. L’aspirante diventi un essere superiore con la pratica di brahmacarya o celibato. Il quinto è aparigraha. Lo studente yoga si liberi da attrazione, voglie, […]