Lalitha Sahasranamam, versi 331 – 440

331. Om Varadha Namah – Lei che soddisfa le richieste dei suoi devoti.
332. Om Vama Nayana Namah – Lei che ha gli occhi belli.
333. Om Vaaruni Madha Vihwala Namah – Lei che è ubriaca di felicità.
334. Om Viswadhika Namah – Lei che trascende i mondi.
335. Om Veda Vedya Namah – Lei che può essere conosciuta nei Veda.
336. Om Vindhyachala Nivasini Namah – Lei che vive sul monte Vindhya.
337. Om Vidhatri Namah – Lei che sostiene il mondo.
338. Om Veda Janani Namah – Lei è la madre dei Veda.
339. Om Vishnu Maya Namah – Lei è la Maya di Vishnu.
340. Om Vilasini Namah – Lei che gode del gioco (di Vishnu).

341. Om Ksetra Swaroopa Namah – Lei che è personificazione del campo (Kshetra), o del corpo psico-fisico.
342. Om Kshetresi Namah – Lei che è la Dea del campo.
343. Om Kshethra Kshethragna Palini Namah – Lei che si occupa del campo e del suo Signore (in Bhagavad Gita, sri Krishna dice: “Io sono il Signore del campo”).
344. Om Kshaya Vridhi Nirmuktha Namah – Lei che non diminuisce né aumenta.
345. Om Ksetra Pala Samarchitha Namah – Lei che è adorata da Ksetrapala (Shiva).
346. Om Vijaya Namah- Lei che è vittoriosa.
347. Om Vimala Namah – Lei che è purissima.
348. Om Vandhya Namah – Lei che è adorata da tutti.
349. Om Vandharu Jana Vatsala Namah – Lei che ama tutti quelli che la adorano.
350. Om Vaag Vadhini Namah – Lei che è la parola creatrice.

351. Om Vama Kesi Namah – Lei che ha bei capelli.
352. Om Vahni Mandala Vaasini Namah – Lei che vive nel cerchio di fuoco (Mooladhara).
353. Om Bhakti Mat Kalpa Lathika Namah – Lei che per i suoi devoti è l’albero dei desideri (Kalpa).
354. Om Pasu Pasa Vimochani Namah – Lei che libera dalle catene dell’ignoranza.
355. Om Samhrutha Sesha Pashanda Namah – Lei che distrugge gli empi.
356. Om Sadachara Pravarthika Namah – Lei che premia la buona condotta.
357. Om Thapatryagni Santhaptha Samahladahna Chandrika Namah – Lei che come il chiaro di Luna consola coloro che soffrono.
358. Om Tharuni Namah – Lei che è sempre giovane.
359. Om Thapasa Aradhya Namah – Lei che è adorata dai saggi.
360. Om Thanu Madhya Namah – Lei che ha la vita sottile.

Continua a Leggere →

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Lalitha Sahasranamam, versi 221 – 330

221. Om Maha Veerya Namah – Lei che è il massimo vigore (o il seme).
222. Om Maha Bala Namah – Lei che è volontà pura.
223. Om Maha Bhudhi Namah – Lei che è l’intelligenza superiore.
224. Om Maha Sidhi Namah – Lei che è tutti i poteri soprannaturali.
225. Om Maha Yogeswareswari Namah – Lei che è la dea dei grandi Yogi.
226. Om Mahathanthra Namah – Lei che è il supremo Tantra.
227. Om Mahamanthra Namah – Lei che è li supremo Mantra.
228. Om Mahayanthra Namah – Lei che è il supremo Yanthra.
229. Om Mahasana Namah – Lei che ha la suprema postura yogica.
230. Om Maha Yaga Kramaradhya Namah – Lei è il supremo sacrificio.

231. Om Maha Bhairava Poojitha Namah – Lei che è adorata dal grande Bhairava.
232. Om Maheswara Mahakalpa Maha thandava Sakshini Namah – Lei che è testimone della grande danza eseguita dal Maheshwara (Shiva) alla fine del mondo.
233. Om Maha Kamesha Mahishi Namah – Lei che è la consorte del grande Kameshwara.
234. Om Maha Tripura Sundari Namah – Lei che è Tripurasundari, la più bella dei tre mondi (nome proprio di Lalitha).
235. Om Chatustatyupacharadya Namah – Lei che è adorata con sessantaquattro offerte.
236. Om Chathu Sashti Kala Mayi Namah – Lei che ha sessantaquattro parti.
237. Om Maha Chathusashti Kodi Yogini Gana Sevitha Namah – Lei che è servita da sessantaquattromila yogini.
238. Om Manu Vidya Namah – Lei che è personificazione di Sri Vidya come esposta da Manu.
239. Om Chandra Vidya Namah – Lei che è personificazione di Sri Vidya come esposta da Chandra.
240. Om Chandra Mandala Madhyaga Namah – Lei che risiede al centro del disco lunare.

241. Om Charu Roopa Namah – Lei che è squisita bellezza.
242. Om Charu Hasa Namah – Lei che ha un bel sorriso.
243. Om Charu Chandra Kaladhara Namah – Lei che indossa la mezzaluna.
244. Om Charachara Jagannath Namah – Lei che è la Signora di di tutti gli esseri, mobili e immobili.
245. Om Chakra Raja Nikethana Namah – Lei che risiede al centro dello Sri Chakra.
246. Om Parvathi Namah – Lei che è figlia della montagna, Parvati.
247. Om Padma Nayana Namah – Lei che ha gli occhi come fiori di loto.
248. Om Padma Raga Samaprabha Namah – Lei che brilla come un rubino.
249. Om Pancha Prethasana Seena Namah – Lei che siede sul trono di cinque cadaveri (si tratta di Brahma, Vishnu, Rudra, Isha e Sadasiva privati della loro Shakti, perciò resi immobili, privi di vita).
250. Om Pancha Brahma Swaroopini Namah – Lei che è personificazione dei cinque Brahma (sono gli Dèi menzionati sopra, vivificati dalla Shakti).

Continua a Leggere →

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Lalitha Sahasranamam, versi 111 – 220

111. Om Bisa Thanthu Thaniyasi Namah – Lei che è sottile come lo stelo del loto.
112. Om Bhavani Namah – Lei che dà la vita o Lei che è la consorte di Shiva.
113. Om Bhavana Gamya Namah – Lei che può essere attinta con il pensiero.
114. Om Bhavarany Kudariga Namah – Lei che è l’ascia che spezza la miseria del mondo.
115. Om Bhadra Priya Namah – Lei che desidera il bene dei suoi devoti.
116. Om Bhadra Moorthy Namah – Lei che è personificazione di tutto ciò che è buono.
117. Om Bhaktha Sowbhagya Dhayini Namah – Lei che dona ogni bene e fortuna ai suoi devoti.
118. Om Bhakti Priya Namah – Lei che ama la devozione.
119. Om Bhakti Gamya Namah – Lei che può essere raggiunta con la devozione.
120. Om Bhakti Vasja Namah – Lei che può essere controllata con la devozione.

121. Om Bhayapaha Namah – Lei che toglie la paura.
122. Om Sambhavya Namah – Lei che è la sposa Shambhu.
123. Om Saradharadya Namah – Lei che è adorata durante il Navarathri d’autunno.
124. Om Sarvani Namah – Lei che è la consorte di Shiva (qui chiamato Sarvar).
125. Om Sarmadhayini Namah – Lei che accorda la felicità.
126. Om Sankari Namah- Lei che è la consorte di Sankara.
127. Om Sreekari Namah – Lei che accorda tutte i benefici.
128. Om Sadhwi Namah – Lei che è fedele al marito.
129. Om Sarat Chandra Nibhanana Namah – Lei che ha il viso come la luna in autunno.
130. Om Satho Dhari Namah – Lei che ha la vita sottile.

131. Om Santhimathi Namah – Lei che è la pace in persona.
132. Om Niradhara Namah – Lei che non ha bisogno di alcun sostegno.
133. Om Niranjana Namah – Lei che è priva di macchie o difetti.
134. Om Nirlepa Namah – Lei che non ha alcun attaccamento.
135. Om Nirmala Namah- Lei che è personificazione della chiarezza, o immacolata.
136. Om Nithya Namah – Lei che è eterna.
137. Om Nirakara Namah – Lei che non ha forma.
138. Om Nirakula Namah – Lei che non può essere conosciuta dalle persone confuse.
139. Om Nirguna Namah – Lei che è al di là di tutte le caratteristiche.
140. Om Niskala Namah – Lei che non è divisa in parti.

Continua a Leggere →

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Lalitha Sahasranamam, versi 1- 110

1. Om Sri Matha Namah – Saluto e lodo Lei che è la Madre (indica il ruolo di creazione).
2. Om Sri Maharajni Namah – Lei che è la suprema Sovrana (indica il ruolo di protezione).
3. Om Sri Math Simasaneshwari Namah – Lei che siede sul trono di leoni (il ruolo di distruzione).
4. Om Chidagni Kunda Sambootha Namah – Lei che sorge dal fuoco della conoscenza, che è la Verità ultima.
5. Om Deva Karya Samudhyatha Namah – Lei che soccorre gli Dei.
6. Om Udyath Bhanu Sahasrabha Namah – Lei che illumina come mille soli che sorgono.
7. Om Chadur Bahu Samanvidha Namah – Lei che ha quattro braccia.
8. Om Ragha Swaroopa Pasadya Namah – Lei che lega tutti con il laccio dell’amore (sorretto in una delle sue mani sinistre).
9. Om Krodhakara Ankusojwala Namah – Lei che brandisce l’Anghusa, con cui doma la rabbia (gancio per guidare gli elefanti, sorretto in una delle sue mani destre).
10. Om Mano Rupeshu Kodanda Namah – Lei che impugna l’arco della mente (in una delle sue mani sinistre).

11. Om Pancha Than Mathra Sayaka Namah – Lei che governa i cinque sensi.
12. Om Nijaruna Prabha Poora Majjath Brahmanda Mandala Namah – Lei che tinge l’universo di rosso, come il sole all’alba.
13. Om Champakasoka Punnaga Sowgandhika Lasathkacha Namah – Lei che decora i suoi capelli con i fiori del Champaka, Punnaga e Sowgandhika.
14. Om Kuru Vinda Mani Sreni Kanath Kotira Manditha Namah – Lei la cui corona riluce di rubini (Padmaraga).
15. Om Ashtami Chandra Vibhraja Dhalika sthala Shobhitha Namah – Lei che ha la fronte splendente come la mezza luna (visibile nell’ottavo giorno dalla luna nuova).
16. Om Muka Chandra Kalankabha Mriganabhi Viseshaka Namah – Lei il cui thilaka (punto) sulla fronte è come il lato oscuro della luna.
17. Om Vadana Smara Mangalya Griha Thorana Chillaka Namah – Lei che ha belle sopracciglia, come archi del palazzo dell’amore.
18. Om Vakthra Lakshmi Parivaha Chalan Meenabha Lochana Namah – Lei che ha begli occhi, che sembrano pesci nello stagno del suo viso.
19. Om Nava Champaka Pushpabha Nasa Dhanda Virajitha Namah – Lei che ha il naso come fiore di Champaka appena aperto.
20. Om Thara Kanthi Thiraskari Nasabharana Bhasura Namah – Lei che ha un anello al naso, che brilla più di una stella.

21. Om Kadambha Manjari Kluptha Karna Poora Manohara Namah – Lei che ha orecchie belle come i fiori di kadamba.
22. Om Thadanga Yugali Bhootha Thapanodupa Mandala Namah – Lei che porta il sole e la luna come orecchini.
23. Om Padma Raga Sila Darsha Paribhavika Polabhu Namah – Lei che ha le guance che brillano come rubini.
24. Om Nava Vidhruma Bimbha Sri Nyakkari Rathna Chhadha Namah – Lei che ha labbra come coralli.
25. Om Shuddha Vidyangurakara Dwija Pangthi Dwayojjala Namah – Lei che ha i denti candidi come la vera conoscenza (Shodasakshari vidyà).
26. Om Karpoora Veedi Kamodha Samakarsha Digandara Namah – Lei che mastica foglie di betel e spezie, spandendo profumo in tutte le direzioni.
27. Om Nija Sallabha Madhurya Vinirbhardista Kacchabhi Namah – Lei che ha la voce più dolce delle note prodotte dal Sarawathi Veena (Kachabhi).
28. Om Mandasmitha Prabha Poora Majjat Kamesha Manasa Namah – Lei che ha sorriso bello come un fiume in cui nuota la mente di Cupido.
29. Om Anakalidha Sadrushya Chibuka Sri Virajitha Namah – Lei che ha il mento perfetto, senza paragoni.
30. Om Kamesha Baddha Mangalya Sutra Shobitha Kandhara Namah – Lei che ha il collo ornato dal cordone matrimoniale, ricevuto dalle mani di Kameshwara (Shiva).
Continua a Leggere →

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Lalitha Sahasranamam – Navaratri 2015 – Open project

Dal 13 al 22 Ottobre 2015 la tradizione indiana festeggia le nove giornate (o notti) dedicate alla Madre Divina.
Visionaire.org propone di avvicinarsi alla percezione del Mistero con la traduzione in lingua italiana del Lalitha Sahasranamam, i Mille Nomi della Dea Lalitha: illuminante elenco di nomi e di attributi divini che permettono di visualizzare, meditare e comprendere la realtà spirituale del Femminile Divino.
A partire da Martedì 13, e per i nove giorni consecutivi, sarà pubblicata una porzione del poema di (circa) 110 Nomi sul blog e sulla pagina Facebook.
Il progetto è inteso come offerta e pratica spirituale, perciò viene esteso alle lettrici e ai lettori di Visionaire. Chiunque lo desideri può offrirsi per tradurre un certo numero di Nomi (dall’Inglese), quotidianamente, per tutta la durata del Navaratri, o una tantum. Si possono “prenotare” dai 10 ai 100 versi giornalieri. Da riconsegnare, via messaggio privato, entro le ore 19.00 del giorno successivo. Pubblicazione del testo tradotto prevista per le ore 21.00 circa.
Chi desidera altre informazioni o vuole aderire al progetto contatti privatamente Beatrice Udai Nath.

BengalLitho127

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Saraswati Stotram del Saggio Agastya

श्री सरस्वती स्तुति – या कुन्देन्दुतुषारहारधवला
Sri Saraswati Stuthi: Ya Kundendu Tusara Hara Dhavala

या कुन्देन्दुतुषारहारधवला या शुभ्रवस्त्रावृता
या वीणावरदण्डमण्डितकरा या श्वेतपद्मासना ।
या ब्रह्माच्युतशंकरप्रभृतिभिर्देवः सदा पूजिता
सा मां पातु सरस्वति भगवती निःशेषजाड्यापहा ॥१॥
Yaa Kunde[a-I]ndu-Tussaara-Haara-Dhavalaa Yaa Shubhra-Vastra-[A]avrtaa
Yaa Viinnaa-Vara-Danndda-Mannddita-Karaa Yaa Shveta-Padma-[A]asanaa |
Yaa Brahma-Acyuta-Shankara-Prabhrtibhir-Devah Sadaa Puujitaa
Saa Maam Paatu Sarasvati Bhagavatii Nihshessa-Jaaddya-Apahaa ||1||

1.1: (Saluto la Dea Saraswati) di bianco purissima come il gelsomino, fresca come la Luna, luminosa come la neve e brillante come una collana di perle; colei che è vestita di abiti bianchissimi.
1.2: Colei le cui mani sono decorate con il Veena (strumento musicale) e la bacchetta dei desideri; Colei che è seduta su un puro fiore di loto bianco.
1.3: Colei che gode dell’adorazione perenne di Brahma, Acyuta (Vishnu), Shankara e degli altri dei.
1.4: O Dea Saraswati, ti prego di proteggermi e di dissipare completamente la mia ignoranza.

 

Raja_Ravi_Varma,_Goddess_Saraswati

 

दोर्भिर्युक्ता चतुर्भिं स्फटिकमणिनिभैरक्षमालान्दधाना
हस्तेनैकेन पद्मं सितमपि च शुकं पुस्तकं चापेरण ।
भासा कुन्देन्दुशङ्खस्फटिकमणिनिभा भासमानाऽसमाना
सा मे वाग्देवतेयं निवसतु वदने सर्वदा सुप्रसन्ना ॥२॥
Dorbhir-Yuktaa Caturbhim Sphattika-Manni-Nibhair-Akssamaalaan-Dadhaanaa
Hastenai-[E]kena Padmam Sitam-Api Ca Shukam Pustakam Ca-Aperanna |
Bhaasaa Kunde(a-I)ndu-Shangkha-Sphattika-Manni-Nibhaa Bhaasamaana-Asamaanaa
Saa Me Vaag-Devate-Yam Nivasatu Vadane Sarvadaa Suprasannaa ||2||

2.1: (Saluto la Dea Saraswati) dalle quattro mani; in una mano tiene il rosario di cristallo
2.2: in una mano il bianco fiore di Loto; in un’altra mano un pappagallo e in una mano un libro .
2.3: Circondata da un’aura di bianca di luce purissima, come la brillantezza sommata del gelsomino, della Luna, della conchiglia, del cristallo, la sua brillantezza non ha eguali.
2.4: Possa Colei che è la Dea della Parola risiedere sempre nella mia bocca de effondere la sua Grazia.

सुरासुरसेवितपादपङ्कजा
करे विराजत्कमनीयपुस्तका ।
विरिञ्चिपत्नी कमलासनस्थिता
सरस्वती नृत्यतु वाचि मे सदा ॥३॥
Sura-Asura-Sevita-Paada-Pangkajaa
Kare Viraajat-Kamaniiya-Pustakaa |
Virin.ci-Patnii Kamala-(A)asana-Sthitaa
Sarasvatii Nrtyatu Vaaci Me Sadaa ||3||

3.1: (Saluto la Devi Saraswati) I cui piedi di loto sono serviti dai Deva e dagli Asura,
3.2: Nelle cui mani splende un libro glorioso,
3.3: Consorte di Brahma che abita nel fiore di Loto,
3.4: O Devi Saraswati, danza, ti prego, sulle mie parole.

सरस्वती सरसिजकेसरप्रभा
तपस्विनी सितकमलासनप्रिया ।
घनस्तनी कमलविलोललोचना
मनस्विनी भवतु वरप्रसादिनी ॥४॥
Sarasvatii Sarasija-Kesara-Prabhaa
Tapasvinii Sita-Kamala-[A]asana-Priyaa |
Ghana-Stanii Kamala-Vilolalocanaa
Manasvinii Bhavatu Vara-Prasaadinii ||4||

4.1: Saluto la Devi Saraswati, Colei che ha lo splendore del fiore di Loto,
4.2: La Tapaswini (colei che si sottopone a severa ascesi), che ama rifugiarsi nel fiore di Loto,
4.3: Colei il cui grembo è ampio e i cui occhi sono pieni di serenità, come puri petali di loto,
4.4: La Manaswini (personificazione dell’intelligenza); O Devi, ti prego di concederci il dono della tua Grazia.

सरस्वति नमस्तुभ्यं वरदे कामरूपिणि ।
विद्यारम्भं करिष्यामि सिद्धिर्भवतु मे सदा ॥५॥
Sarasvati Namastubhyam Varade Kaama-Ruupinni |
Vidya[a-A]arambham Karissyaami Siddhir-Bhavatu Me Sadaa ||5||

5.1: Saluto la Devi Saraswati, Colei che concede benefici e che esaudisce i desideri,
5.2: O Devi, quando mi accingo agli studi, ti prego, accordami la capacità di ben comprendere, sempre.

सरस्वति नमस्तुभ्यं सर्वदेवि नमो नमः ।
शान्तरूपे शशिधरे सर्वयोगे नमो नमः ॥६॥
Sarasvati Namastubhyam Sarva-Devi Namo Namah |
Shaanta-Ruupe Shashi-Dhare Sarva-Yoge Namo Namah ||6||

6.1: Saluto la Devi Saraswati, personificazione di tutte le Dee, sia lode, sia lode a Lei.
6.2: Colei la cui immagine è placida, che indossa la Luna e che è personificazione di tutti gli Yoga; sia lode, sia lode a Lei.

नित्यानन्दे निराधारे निष्कलायै नमो नमः ।
विद्याधरे विशालाक्षि शूद्धज्ञाने नमो नमः ॥७॥
Nitya-[A]anande Nira-[A]adhaare Nisskalaayai Namo Namah |
Vidyaa-Dhare Vishaala-Akssi Shuuddha-Jnyaane Namo Namah ||7||

7.1: Colei che è eterna beatitudine, senza appoggi, senza separazioni, sia lode, sia lode a Lei.
7.2: Colei su cui poggia ogni conoscenza, che ha grandi occhi e che personifica la Pura Conoscenza, sia lode, sia lode a Lei.

शुद्धस्फटिकरूपायै सूक्ष्मरूपे नमो नमः ।
शब्दब्रह्मि चतुर्हस्ते सर्वसिद्ध्यै नमो नमः ॥८॥
Shuddha-Sphattika-Ruupaayai Suukssma-Ruupe Namo Namah |
Shabdabrahmi Catur-Haste Sarva-Siddhyai Namo Namah ||8||

8.1: Colei che è pura come cristallo, la cui natura è estremamente sottile, sia lode, sia lode a Lei.
8.2: Colei che è personificazione del Sabda Brahman, che ha quattro mani ed è personificazione di tutte le Siddhi, sia lode, sia lode a Lei.

मुक्तालङ्कृतसर्वाङ्ग्यै मूलाधारे नमो नमः ।
मूलमन्त्रस्वरूपायै मूलशक्त्यै नमो नमः ॥९॥
Mukta-Alangkrta-Sarva-Anggyai Muula-[A]adhaare Namo Namah |
Muula-Mantra-Svaruupaayai Muula-Shaktyai Namo Namah ||9||

9.1: Colei il cui corpo è decorato da monili di perle, Colei che è il supporto alla base di tutto l’esistente, sia lode, sia lode a Lei.
9.2: Colei che è fondamento di tutti i Mantra, che è fondamento di tutte le Shakti, sia lode, sia lode a Lei.

मनो मणिमहायोगे वागीश्वरि नमो नमः ।
वाग्भ्यै वरदहस्तायै वरदायै नमो नमः ॥१०॥
Mano Manni-Mahaa-Yoge Vaag-Iishvari Namo Namah |
Vaagbhyai Varada-Hastaayai Varadaayai Namo Namah ||10||

10.1: Colei che come un gioiello brilla nella mente come il Grande Yoga, Colei che è la dea della parola, sia lode, sia lode a Lei.
10.2: Colei che è l’origine da cui proviene la Parola, che porge la mano generosa di doni, colei che concede ogni Bene, sia lode, sia lode a Lei.

वेदायै वेदरूपायै वेदान्तायै नमो नमः ।
गुणदोषविवर्जिन्यै गुणदीप्त्यै नमो नमः ॥११॥
Vedaayai Veda-Ruupaayai Vedaantaayai Namo Namah |
Gunna-Dossa-Vivarjinyai Gunna-Diiptyai Namo Namah ||11||

11.1: Colei che è lo stesso Veda, la cui forma rappresenta i Veda, la cui essenza è il culmine dei Veda, conosciuta come Vedanta; sia lode, sia lode a Lei.
11.2: Colei la cui essenza trascendente è priva di vizi e di virtù; la cui immagine risplende di tutte le virtù; sia lode, sia lode a Lei.

सर्वज्ञाने सदानन्दे सर्वरूपे नमो नमः ।
सम्पन्नायै कुमार्यै च सर्वज्ञे नमो नमः ॥१२॥
Sarva-Jnyaane Sada-[A]anande Sarva-Ruupe Namo Namah |
Sampannaayai Kumaaryai Ca Sarvajnye Namo Namah ||12||

12.1: Colei che è l’essenza al di là del conoscibile, che sempre effonde la Gioia della Divina Beatitudine e che è presente in tutte le forme; sia lode, sia lode a Lei.
12.2: Colei che è somma di tutte le perfezioni, colei che è sempre nuova e che tutto conosce; sia lode, sia lode a Lei

योगानार्य उमादेव्यै योगानन्दे नमो नमः ।
दिव्यज्ञान त्रिनेत्रायै दिव्यमूर्त्यै नमो नमः ॥१३॥
Yogaan-Aarya Umaadevyai Yoga-[A]anande Namo Namah |
Divya-Jnyaana Tri-Netraayai Divya-Muurtyai Namo Namah ||13||

13.1: Colei che è Maestra dello Yoga, Uma Devi, Beatitudine dello Yoga; sia lode, sia lode a Lei.
13.2: Colei che è personificazione della divina conoscenza, che ha tre occhi e aspetto divino; sia lode, sia lode a Lei.

अर्धचन्द्रजटाधारि चन्द्रबिम्बे नमो नमः ।
चन्द्रादित्यजटाधारि चन्द्रबिम्बे नमो नमः ॥१४॥
Ardha-Candra-Jattaa-Dhaari Candra-Bimbe Namo Namah |
Candra-[A]aditya-Jattaa-Dhaari Candra-Bimbe Namo Namah ||14||

14.1: Colei che porta la mezzaluna tra i capelli ricci e il cui viso bellissimo illumina come il riflesso della luna; sia lode, sia lode a Lei.
14.2: Colei che porta il sole e la luna tra i capelli ricci, e il cui viso bellissimo illumina come il riflesso della luna; sia lode, sia lode a Lei.

अणुरूपे महारूपे विश्वरूपे नमो नमः ।
अणिमाद्यष्टसिद्ध्यायै आनन्दायै नमो नमः ॥१५॥
Annu-Ruupe Mahaa-Ruupe Vishva-Ruupe Namo Namah |
Annima-[A]ady-Asstta-Siddhyaayai Aanandaayai Namo Namah ||15||

15.1: Colei che è presente in forma infinitesimale e in forma estesa, così come nella forma universale; sia lode, sia lode a Lei.
15.2: Colei che ha realizzato le otto Siddhi, e che accorda a tutti felicità; sia lode, sia lode a Lei.

ज्ञानविज्ञानरूपायै ज्ञानमूर्ते नमो नमः ।
नानाशास्त्रस्वरूपायै नानारूपे नमो नमः ॥१६॥
Jnyaana-Vijnyaana-Ruupaayai Jnyaana-Muurte Namo Namah |
Naanaa-Shaastra-Svaruupaayai Naanaa-Ruupe Namo Namah ||16||

16.1: Colei che è presente in tutti gli esseri come conoscenza e intelligenza, colei che impersona la conoscenza stessa; sia lode, sia lode a Lei.
16.2: Colei che è presente quale essenza al di là delle diverse Scritture e delle differenti forme; sia lode, sia lode a Lei.

पद्मदा पद्मवंशा च पद्मरूपे नमो नमः ।
परमेष्ठ्यै परामूर्त्यै नमस्ते पापनाशिनि ॥१७॥
Padmadaa Padma-Vamshaa Ca Padma-Ruupe Namo Namah |
Paramesstthyai Paraa-Muurtyai Namaste Paapa-Naashini ||17||

17.1: Colei che dona il fiore di Loto (purezza), e che discende da una stirpe di fiori di Loto, e che è forma del fiore di Loto; sia lode, sia lode a Lei.
17.2: Colei che la Natura Suprema e la natura incarnata; sia lode, sia lode a Lei.

महादेव्यै महाकाल्यै महालक्ष्म्यै नमो नमः ।
ब्रह्मविष्णुशिवायै च ब्रह्मनार्यै नमो नमः ॥१८॥
Mahaa-Devyai Mahaakaalyai Mahaalakssmyai Namo Namah |
Brahma-Vissnnu-Shivaayai Ca Brahman-Aaryai Namo Namah ||18||

18.1: Colei che è la Mahadevi, Mahakali e Mahalakshmi; sia lode, sia lode a Lei.
18.2: Colei che è Brahma, Vishnu e Shiva, ed è il più nobile Brahman; sia lode, sia lode a Lei.

कमलाकरपुष्पा च कामरूपे नमो नमः ।
कपालि कर्मदीप्तायै कर्मदायै नमो नमः ॥१९॥
Kamala-[A]akara-Pusspaa Ca Kaama-Ruupe Namo Namah |
Kapaali Karma-Diiptaayai Karma-Daayai Namo Namah ||19||

19.1: Colei da cui emerge il fiore di Loto (la purezza) e la cui forma esprime l’esaudirsi di tutti i desideri; sia lode, sia lode a Lei.
19.2: Colei che riceve le oblazioni, colei che è la gloria dei sacrifici e delle altre azioni e che è l’energia alla base di ogni azione; sia lode, sia lode a Lei.

सायं प्रातः पठेन्नित्यं षण्मासात् सिद्धिरुच्यते ।
चोरव्याघ्रभयं नास्ति पठतां शृण्वतामपि ॥२०॥
Saayam Praatah Patthen-Nityam Ssann-Maasaat Siddhir-Ucyate |
Cora-Vyaaghra-Bhayam Naasti Patthataam Shrnnvataam-Api ||20||

20.1: Coloro che reciteranno questo Stotra regolarmente, nel primo mattina e alla sera, per sei mese e con devozione, diventeranno qualificati per le Siddhi.
20.2: Coloro che ascolteranno questo Stotra non dovranno temere i ladri né le tigri.

इत्थं सरस्वतीस्तोत्रम् अगस्त्यमुनिवाचकम् ।
सर्वसिद्धिकरं नॄणां सर्वपापप्रणाशणम् ॥२१॥
Ittham Sarasvatii-Stotram Agastya-Muni-Vaacakam |
Sarva-Siddhi-Karam Nrrnnaam Sarva-Paapa-Prannaashannam ||21||

21.1: Perciò questo Saraswati Stotram, composto dal Saggio Agastya,
21.2: conduce a tutte le realizzazioni e libera da tutti i peccati.

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Shri Mahakali Chalisa

kali

 

JAYATI MAHAAKAALII JAYATI,
AADYA KAALII MAATA
JAI KARAALA VADANE JAYATI,
JAGATA MAATU VIKHYAATA

Vittoria a Te, Oh Mahakali! Vittoria a Te, Oh primordiale fonte di tutti gli esseri! Vittoria a Te, Oh Dea dall’aspetto formidabile, che sei rinomata come la madre del mondo!

JAI JAI RUUPA PRACHANDIKAA,
MAHAAKAALIKAA DEVI
JAYATI JAYATI SHIVA-CHANDRIKAA,
SURA NARA MUNIJANA SEVI

Vittoria, tutte le vittorie a Te, Oh grande Dea Mahakalika, dal terribile e pauroso aspetto! Vittoria a Te, Oh Luna sui capelli di Shiva che sei sempre adorata dagli dei, uomini, eremiti e devoti.

JAYATI JAYATI RAKTAASANAA,
RAUDRAMUKHI RUDRAANII
ARI SHONITA KHAPPARA BHARANII,
KHADAGA DHAARINII SHUCHI PAANI

Vittoria, tutte le vittorie a Te, Oh consorte di Rudra; sei spaventosa da guardare e preferisci bere sangue caldo; sei descritta con una spada nella tua santa mano e mentre riempi con il sangue delle tue vittime la tua ciotola fatta con un cranio.

JAI JAI JAI MAIYAA SHRII KAALII
JAYATI KHADAGA KARA KHAPPARA VAALII
JAYATI MAHAAMAAYAA VIKARAALAA
RUDRA-SHAKTI KAALAHUN KO KAALAA

Gloria, gloria a te, Oh Kali, portatrice di una ciotola fatta con un cranio e di una spada nelle tue mani. Vittoria a Te, Oh terribile Delusione, potenza di Rudra e la vera morte della Morte.

MAAN MADHU KAITABHA KE VADHA HETU
PRAGATI SHRII HARI KE TANA SE TUU
SHYAAMALA GAATA MAATA TAVA SOHATA
RAVI SAMA CAVI LAKHI CHAVIPATI MOHATA

Oh Madre, è per la sconfitta dei demoni Madhu e Kaitabha che Tu sei apparsa dal corpo di Hari. Oh Madre, la tua oscura forma radiante come il sole sembra così splendidamente bella che il dio della bellezza stesso non può che soccombere al tuo fascino.

DASHA MUKHA TIISA NETRA MANA BHAAVANA
BHAALA BAALA SHASHI MUKUTA SUHAAVANA
KO CHAVI VARANI SAKAI MAAN TERII
SHYAAMA KESHA JANU GHATAA SUGHERII

Tu hai dieci faccie con trenta affascinanti occhi, una luna crescente e una bella corona sulla tua testa. Oh Divina Madre; chi può descrivere la tua avvenenza e i tuoi capelli neri che sembrano nuvole ammassate?

URA ARI MUNDAMAALA CHAVI CHAAJATA
ASTRA SHASTRA DASHA HASTA VIRAAJATA
KHAPPARA KHADAGA TRISHUULA KUTHAARII
GADAA CHAKRA DHANU SHANKHA SUDHAARII

La bellezza della ghirlanda fatta con i teschi delle tue vittime appare splendida come lo sono le armi in tutte le tue dieci braccia. Tu porti un teschio, una spada, un tridente, un’ascia, una clava, un disco, un arco e una conchiglia, tutte al loro giusto posto.

ARI KARA KATANA GHAANGARAA RAAJAI
ANGA-ANGA SHUCHI BHUUSANA SAAJAI
RANJITA RAKTA DASA CHARANA KARAALAA
JIHI VISHAALA RUUPA VIKARAALAA

La bella gonna fatta dalle braccia mozzate dei tuoi nemici sembra così appropriata come i sacri ornamenti che adornano ogni parte del tuo corpo. I tuoi dieci terrificanti piedi sono tutti macchiati di sangue e sporge la tua lunga lingua facendoti apparire paurosa. Continua a Leggere →

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Durga Chalisa

DURGA
NAMO NAMO DURGE SUKH KARANI – NAMO NAMO AMBE DUKH HARANI
I miei omaggi a Te Oh Dea Durga, dispensatrice di felicità! I miei omaggi a Te Oh Dea Amba, che fa finire ogni miseria.

NIRAKAR HAI JYOTI TUMHARI – TIHOUN LOK PHAILI OUJIYARI
La luminosità della Tua luce è senza limite e tutto pervade e tutti i tre regni (Terra, Paradiso e Inferno) sono illuminati da Te.

SHASHI LALAT MUKH MAHA VISHALA – NETRA LAL BHRIKOUTEE VIKARALA
Il Tuo viso è come la luna e la bocca è molto grande. I Tuoi occhi sono illuminati da una luce rossa ed hai un cipiglio spaventoso.

ROOP MATOU KO ADHIK SOUHAVE – DARSHA KARATA JANA ATI SOUKH PAVE
Oh Madre, il tuo aspetto è incantevole, la vista che assicura di gran lunga benessere ai devoti.

TOUM SANSAR SHAKTI LAYA KEENA – PALANA HEYTU ANNA DHAN DEENA
Tutti i poteri del mondo sono riposti in Te e sei Tu che dai cibo e ricchezza al mondo.

ANNAPOORNA HOUI JAG PALA – TUMHI ADI SUNDARI BALA
Come Annapoorna la Madre che nutre, Tu alimenti l’intero universo e sei Tu che appari come l’intramontabile Bala Sundari (giovane donna di estrema bellezza).

PRALAYAKALA SAB NASHANA HARI – TOUM GOWRI SHIV SHANKAR PYARI
Al tempo della dissoluzione, sei Tu, Oh Madre, che tutto distrugge. sei l’amata consorte del Signore Shiva, Gori (Parvati).

SHIV YOGI TUMHRE GUN GAVEIN – BRAHMA VISHNU TUMHEIN NIT DHYAVEIN
Il Signore Shiva e tutti gli yogi cantano sempre le Tue lodi. Brahma, Vishnu e tutti gli altri Dei meditano sempre su Te.

ROOP SARASWATI KO TOUM DHARA – DEY SUBUDDHI RISHI MUNINA UBARA
Appari anche nella forma della Dea Saraswati, per garantire saggezza ai saggi ed assicurare il loro benessere.

DHARYO ROOP NARSIMHA KO AMBA – PRAGAT BHAYI PHAR KAR KHAMBA
Oh Madre Amba! Eri Tu che sei apparsa nella forma di Narsimha, uscendo dalla colonna.

RAKSHA KARI PRAHLAD BACHAYO – HIRANYAYKSH KO SWARGA PATHAYO
Che salvò Prahlad ed anche Hiranyakashyap andò in Paradiso essendo ucciso dalle Tue mani. Continua a Leggere →

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Adi Shankaracharya, componimenti brevi per Aspiranti e Sadhaka.

In occasione di Vasant Panchami, festività Hindu che celebra Saraswati, dea della conoscenza e dell’apprendimento, e  poiché questo è il giorno più propizio per incominciare un nuovo percorso o per rinnovare i vecchi impegni in materia di studio e di conoscenza,  raccogliamo i componimenti brevi di Shankara dedicati agli studenti e agli aspiranti.

Bhaja Govindam
1. Cerca Govinda! Cerca Govinda! Oh ignorante, quando la morte verrà, le regole della grammatica, che oggi cerchi affannosamente di padroneggiare, non ti daranno la salvezza.
2. Oh sciocco! Abbandona il tuo insaziabile desiderio di ricchezze terrene; sii mite e sviluppa serenità e contentezza. Sii soddisfatto e felice di ciò che guadagni col sudore della tua fronte e di quanto il destino ti darà in sorte.
3. Sedotto dalle grazie fisiche delle donne non abbandonarti ai sensi; il corpo è soltanto un ammasso di carne, non dimenticarlo mai.
4. La goccia d’acqua sulla foglia del loto è tremula e instabile. Così è la vita, sempre nell’incertezza. Il corpo è sempre ghermito dalla malattia, che potrebbe inghiottirlo in qualsiasi momento. [Leggi tutto]

Sadhana Panchakam, Istruzioni agli aspiranti
1. Studia le Scritture ogni giorno. Osserva i doveri prescritti in esse. Attraverso di essi onora Dio. Distogli la mente dal desiderare i frutti delle azioni. Evita tutte le azioni peccaminose. Considera la felicità mondana come fonte di dolore. Sviluppa amore verso il Sé. Abbandona la tua casa il prima possibile.
2. Cerca la compagnia di uomini pii. Sviluppa una salda fede in Dio. Con determinazione ricerca la pace della mente e prosegui il cammino. Abbandona in primo luogo le azioni egoistiche. Avvicina quindi un saggio versato nelle Scritture. Venera ogni giorno i suoi sandali. Prega per la conoscenza del Brahman, come espresso dalla sacra sillaba ‘”AUM”. Ascolta le sentenze filosofiche delle Upanisad.
3. Esplora il significato dei Mantra del Vedanta. Prendi rifugio nelle visioni tramandate nei Veda. Mantieniti distante dalle discussioni inutili. Rifletti sulle conclusioni logiche accettate dai Veda. Assumi l’attitudine di colui che sa:”Io sono Brahman”. Abbandona totalmente l’orgoglio. Smetti di pensare il corpo come il Sé. Non discutere con gli eruditi. [Leggi tutto]

Praatah smaranam – Preghiera del mattino
Medito al mattino il Sé che risplende nel cuore, che è essere-coscienza-beatitudine, che è il fine supremo della vita umana, chiamato il ‘Quarto’ perché è al di là dei tre stati di coscienza: veglia, sogno e sonno profondo, e che di tutti è il testimone immobile. Io sono quel Brahman, che è indivisibile e non si forma per aggregato degli elementi naturali.
Medito al mattino l’Essere supremo splendente di cui parlano i Veda, il non nato, immutabile, supremo, inaccessibile alla mente, inattingibile alla parola, ma per la cui benedizione è data la facoltà del linguaggio, e che è descritto nelle Upanishad dalle parole ‘non questo, non quello’.
Medito al mattino l’Infinito, l’Essere eterno che è conosciuto come il Supremo Purusha, che è oltre le tenebre dell’ignoranza, che risplende come il sole, che è fondamento di tutto e su cui questo universo appare, proprio come una corda appare come un serpente. [Leggi tutto]

Nirvana Shatkam, sei strofe sul Nirvana [ShivoHam]
Io non sono la mente, né l’intelligenza,
Non l’individuo, né il pensiero con i suoi sensi,
Né sono la terra o il cielo o l’aria o la luce,
Io sono Shiva, sono Shiva, pura coscienza e beatitudine.
Non sono il respiro, né i cinque soffi,
Non sono i sette elementi, né i cinque involucri,
Non sono la voce o le mani o piedi o gli altri organi,
Io sono Shiva, sono Shiva, pura coscienza e beatitudine.
Non conosco ostilità o amicizia,
Né vigore, né desiderio di competizione,
Non ho doveri, né beni, non cerco la passione o la salvezza,
Io sono Shiva, sono Shiva, pura coscienza e beatitudine. [Leggi tutto]

Nirguna Manasa Puja. L’adorazione dell’Essere Senza Attributi.
Il discepolo disse:
1. All’indivisibile Satcitananda la cui natura è incondizionata e che è conosciuto anche come lo stato non-duale, come è dovuta l’adorazione?
2. Quali sono le invocazioni (avahana) della Pienezza e la posizione (asana) di Ciò che Tutto supporta? Come lavare i Suoi piedi (padya), offrire dell’acqua (arghya) e come prenderne un sorso (achamana) davanti al limpido e puro Uno?
3. Come si procederà all’abluzione (snana) per l’Immacolato e alla vestizione (vasa) per il ventre dell’universo? Quale cordone brahmanico (upavita) per Colui che è senza ascendenti o casta?
4. Come offriremo la pasta di sandalo (gandha) a Quello che nulla attacca, e fiori a Colui che è senza odore? Quale sarà il gioiello per l’Indifferenziato? Quale l’ornamento per Colui che non ha forma?
5. A cosa servirà l’incenso a Colui che è senza macchia, o la lampada (dipa) per il Testimone di tutto? Quale offerta di cibo (naivedyam) per Colui che è sazio della Sua Beatitudine? [Leggi tutto]

Inno a Dakshinamurti
Io leverò le lodi di Dakshinamurti, il bel giovane che istruiva nella conoscenza del Parabrahman col silenzio; colui che era circondato dai saggi venerabili come dai giovani discepoli, tutti assorti nella stabile meditazione del Brahman; colui che è il Maestro supremo; colui che unendo pollice e indice mostrò l’unione dell’anima con l’assoluto, colui il cui volto risplende nella beatitudine del Sé.
[1] Colui che a causa della sua illusione vede, come nei sogni, l’universo esistente al suo esterno, come una città veduta allo specchio, mentre esso è verosimilmente in lui; colui che con il risveglio non percepirà che se stesso, senza secondo, a quel Maestro incarnato, il Signore che guarda a sud, io offro il mio saluto.
[2] Colui che come un mago, uno yogi dai poteri straordinari, manifesta di sua volontà questo universo a partire dal principio indifferenziato, che come il germoglio latente nel seme si svilupperà nelle varie condizioni di spazio e di tempo indotte dall’illusione, a quel Maestro incarnato, il Signore che guarda a sud, io offro il mio saluto.
[3] Quella luce reale che illumina gli oggetti non reali; colui che direttamente ha risvegliato i suoi devoti prounciando il detto “Tu sei Quello”, impedendogli col risveglio di ricadere nella acque del Samsara, a quel Maestro incarnato, il Signore che guarda a sud, io offro il mio saluto. [Leggi tutto]

Gurvastakam
Il corpo e la consorte mostrano la loro bellezza. La gloria è variegata e attraente. La ricchezza è gloriosa quanto il Monte Meru. Ma se non ho la devozione interiore ai piedi del Guru, che farò, che farò, che farò?
La consorte, la ricchezza, i figli e i nipoti, la casa, i parenti, tutto ciò si avvicenda nell’esistenza. Ma se non ho la devozione interiore ai piedi del Guru, che farò, che farò, che farò?
I Veda in sei parti, la conoscenza di ogni trattato, e il talento e l’abilità poetica riempiono la bocca. Comporrò allora una bella prosa o poesia. Ma se non ho la devozione interiore ai piedi del Guru, che farò, che farò, che farò?
Nei paesi stranieri si può guadagnare rispetto. Nel proprio paese, essere un nobile. Tutto ciò rientra nel meccanismo dei doveri, nient’altro. Ma se non ho la devozione interiore ai piedi del Guru, che farò, che farò, che farò? Il rispetto e la venerazione si rivolgono anche ai re nelle occasioni ufficiali. Ma se non ho la devozione interiore ai piedi del Guru, che farò, che farò, che farò?
La mia fama può raggiungere tutte le regioni, se offro con generosità. Grazie alle mie mani, tutti gli oggetti del mondo sono disponibili. Ma se non ho la devozione interiore ai piedi del Guru, che farò, che farò, che farò? [Leggi tutto]

Shiva manasa Puja, l’adorazione mentale di Shiva.
Ti offro un trono immaginario adorno di preziosi,
un bagno d’acqua raccolta dalle nevi dell’Himalaya,
paramenti di seta da indossare, e gioielli preziosi a profusione,
Ti offro muschio e sandalo, fiori di melo e gelsomino,
E la lampada rituale, e questi doni li offro attraverso l’occhio della mente,
Oh Dio misericordioso e Signore di tutti gli esseri,
Accetta la mia offerta e concedimi la Tua benedizione.
Ti offro ghee e dolci prelibati nel vaso d’oro dalle nove gemme preziose,
Ti offro piatti di cagliata e latte, banane, verdure, acqua e foglie di betel,
Ti offro la canfora ardente e campanelli tintinnanti,
Questi doni nella mia mente sono offerti con devozione assoluta a Te,
Signore, ti prego accettali e accordami la tua benedizione. [Leggi tutto]

FacebookTwitterGoogle+Pinterest