L’accensione del Dhuni al Borgo dei Semplici. Solstizio d’Estate 2017.

Om Shiva Goraksh Yogi. Adesh Adesh.

Prologo. La notte della luna piena di Holi avevo fatto un sogno, in cui Guruji mi diceva che era arrivato per me il momento di accendere il fuoco. Ma io vivevo in un appartamento in città e credevo che sarei stata costretta a leggere l’invito come una metafora.

Poche settimane fa sono salita su queste colline che affacciano le valli “tra Feltro e Feltro”, che Dante profetizzava avrebbero visto nascere un avatar. Sulla collina, a quasi 600metri, vivono dei Fratelli che hanno dedicato la loro vita, le energie e i propri beni a ricostruire un borgo antico, per farne un luogo di meditazione e di conoscenza spirituale. E loro, che mi conoscevano da molto tempo, avevano costruito il cerchio con le pietre dove il fuoco attendeva invisibile di essere acceso.

18664343_10214073254893401_7819758276283500273_n

Sono seguiti giorni di lavoro titanico. La mattina del Solstizio eravamo pronti, e avremmo acceso il fuoco del Dhuni poco prima di mezzogiorno, quando il sole è al massimo dello splendore annuale. Attorno al fuoco che doveva nascere si sono sedute quasi quaranta persone, di mercoledì mattina, sotto un calore accecante. E allora li ho avvertiti: andrà molto peggio. E abbiamo cominciato.

Chi siamo e cosa stiamo facendo, mi chiedevano quelle belle, solide matrone romane che ritornavano da un mondo antico e i ragazzi sottili e svettanti con grandi occhi luminosi. Niente, siamo all’inizio del mondo. Siamo dove tutto è incominciato, qualsiasi religione, spiritualità, ogni forma di scienza e tutto quello che riconosciamo umano, ha avuto inizio intorno a un fuoco come questo, che ci apprestiamo ad accendere. Molto prima di quello che chiamiamo Storia, c’è un passato di milioni di anni in cui sono discese in terra le forme formanti del mondo, e hanno preso vita e agito in mezzo a noi. Questo passato è scritto nel mito, dove agli uomini volentieri si mescolavano gli Dei, e ad ogni passaggio davano inizio a una forma di civiltà, di conoscenza, di spiritualità. All’inizio di tutto, il mio lignaggio stabilisce che ci furono nove Yogi, i Nove Nath. Nove Yogi che con il sacrificio compirono prodigi, iniziando tutto ciò che chiamiamo umano, civile, etico, scientifico, religioso e spirituale. Che si voglia credere agli dei o agli uomini, poco importa. Possiamo immaginare che furono gli Dei a scendere sulla terra o pensare che furono uomini come noi, che con lo Yoga e la conoscenza esoterica che ne derivava riuscirono a diventare simili a Dei e portare nel mondo il frutto del loro sacrificio, che per sempre si tramanda in ciò che di comune ogni civiltà religione e ogni scienza ritrova sempre uguale e perenne. Quando accendiamo un Fuoco Sacro ritorniamo a quella Origine, ritorniamo al luogo in cui tutto è incominciato e ripetendo i gesti e le formule che ci hanno trasmesso cerchiamo di ripercorrere la loro strada, di risvegliare in noi lo stesso ardore, la scintilla divina che manifesterà la nostra essenza eterna, il nostro fuoco perenne, il nostro potenziale umano e divino.

19553169_10212100899190337_966286594_n

Questo cerchio di pietra è il grembo, la terra, la materia che si dispone per accogliere il divino, o per metterlo al mondo. Il fuoco è lo spirito, la cui natura distruttrice e trasformatrice gli Yogi impararono a domare e controllare. Lo Yoga è questo: accendere e accudire il Fuoco sacro. Non permettere che si spenga né che distrugga il mondo. Restare a sorvegliarlo e condividerne il calore e i doni con quelli che vorranno raccogliersi attorno al cerchio. Il fuoco naturale, come lo spirito, come il dio antico, è distruttore. Il Fuoco Sacro arde costantemente e in modo controllato, e lo Yogi sta allo stesso modo al centro della contraddittoria e duale natura umana, costituita dai suoi soffi, e governa il centro, da dove il fuoco di alza, costante e controllato, e discende la luce, il calore, la benedizione. Il Dhuni e il Fuoco, il Fuoco e il calore sono la stessa cosa, sono Shiva e Shakti, le polarità del maschile e femminile universali, unificate, inscindibili. La stessa immagine che veneriamo nello Shivalingam, qui è viva, calda e danzante, davanti ai nostri occhi, come nell’essenza della vita stessa. Perciò questo è il luogo in cui il nostro sacrificio, la nostra offerta, arriva direttamente agli Dei, perché siamo davanti alla loro più evidente presenza.

 

Dopo il Gayatri mantra, i fratelli hanno intonato l’Agni Suktam (Rg Veda 1.1) e il fuoco è stato acceso. Molti minuti sono trascorsi nel suono, davanti alle fiamme che immediatamente hanno preso vita e si sono sollevate in altezza. Mantra, campanelli e campane tibetane, tamburi, e altra musica che (misteriosamente) proveniva da ogni direzione, perfettamente armonica, in cui tutti abbiamo cantato e ci siamo fermati in un silenzio più profondo, trasportati.

A mezzogiorno il Fuoco è stato nutrito con le offerte rituali, nella cerimonia dell’Hawan. Si offre nell’Hawan un composto che tradizionalmente serve come nutrimento del fuoco, e si offre a ogni lancio dell’oblazione (Swaha) anche se stessi. Si offre, con l’oblazione rituale, ciò che abita il nostro cuore, quello che amiamo e quello che ci fa soffrire, ciò a cui siamo più attaccati e quello che desideriamo, quello che abbiamo perduto e quello che vogliamo vedere nascere e prosperare. Tutto ciò che lasciamo al fuoco, lo restituiamo a Dio, al cielo, all’ordine universale, a cui appartiene per realtà. Noi lo accudiamo, come accudiamo il fuoco, ma solo servendo un tutto universale a cui ogni cosa appartiene, restituendolo dal profondo del cuore, riconoscendo subito che ogni cosa e ogni persona appartengono a tale universale e divino – e non a noi (“na mama”, non a me), così come l’offerta che passa nelle nostre mani – ne siamo liberi e siamo in grado di lasciarlo prosperare. Lasciamo andare ogni attaccamento, accudiamo il fuoco e ciò che ci è dato di offrire, condividiamo l’esperienza di questo sacrificio. Questo insegna l’Hawan, che è la base di ogni etica, e di ogni condotta dharmica che rispetti la verità e la vita: dono, cura, condivisione. Perciò quello che offriamo ritorna benedetto e forte di una vita perenne.

 

Così il fuoco è stato acceso e poi nutrito nell’offerta, con i nomi di Shiva e i nomi di Shakti. Quindi è stato condiviso il cibo e nel pomeriggio, e con quelli che se la sono sentita, specie quelli già rodati dal caldo indiano, siamo rimasti attorno al Dhuni per condividere il Satsang e il ronzio delle cicale nella calura pomeridiana, mentre si stendeva attorno a noi il panorama dell’Appennino inondato di sole. Fino alla Puja della sera, colorata dall’oro del tramonto.

Questa è la breve cronaca di quanto abbiamo fatto e detto nel giorno del Solstizio. Altri Hawan e altre celebrazioni continueranno il discorso e la condivisione.

Il prossimo appuntamento è 8/9 Luglio, Guru Purnima. Programma e dettagli saranno comunicati prossimamente. Adesh Adesh.

 

Chi siamo e dove siamo. (da http://www.alessandrodisimone.it/costruire-un-ecovillaggio/)

Il Borgo dei Semplici è un progetto condiviso, strutturato tra famiglie che hanno deciso di abbandonare la città per ricercare la socializzazione più vera.
Andare a vivere sui monti non significa abbandonare tutto e tutti ma significa abbandonare la solitudine urbana, frammista di caos, rumori e tensioni, per trovare, natura, silenzio, solidarietà, semplicità.
Spesso non vogliamo credere che proprio dove tutto pare a portata di mano tutto sia invece così distante, così lontano.
Recuperare l’emozione di una vita che vuole l’autosufficienza nell’autoproduzione agricola in un regime biologico, che vive in una costruzione ecologica e sostenibile che ricicla e recupera, che segue il tempo scandito dalle stagioni, dalle lune.
Riconnettersi con quanto si è perduto, i sapori, gli odori, i suoni di un mondo naturale.
Noi crediamo che questa semplicità perduta sia la chiave per far maturare la propria dignità, lontano dai formalismi, dalle mode, dal vivere per consumare.

Il Borgo dei Semplici è un luogo dove ciascuno è apprezzato per quello che è, dove ciascuno ha il diritto di essere se stesso nel rispetto degli altri, dove poter crescere senza paure, dimenticando gli stress e le ansie della vita iperurbana, dove il ricercare se stessi è un atto dovuto prima che a sé, verso gli altri compagni di viaggio.
Il nostro è un progetto aperto, dove potete venire a trovarci, ad incontrarci, dove potete condividere con noi la nostra esperienza, facendo esperienza, la stessa che ognuno di noi fa ogni giorno vivendo, e stando nel fare, perché questo è il mondo del fare, questo è il mondo del qui e ora.

Om Namah Shivaya. Om Shiva Goraksh Yogi. Adesh Adesh.

Borgo dei Semplici
Località Santa Sofia Marecchia,
52032 Badia Tedalda (AR)


 

 

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Pontormo, Deposizione: il corpo alchemico.

Il 24 maggio 1494 nasceva Jacopo Carucci conosciuto come Jacopo da Pontormo, o il Pontormo. Malinconico, temperamento lunatico, saturnino, lo definisce il Vasari, “un uomo fantastico e solitario”. Se Marsilio Ficino aveva definito Saturno il pianeta la cui disposizione alla nascita reca la malinconia creatrice, questo modello è incarnato da Pontormo (“Raramente caratteri e destini comuni, ma uomini diversi dagli altri, divini o bestiali, felici oppure oppressi dalla miseria più grande”). Con la benedizione di Aristotele, Saturno torna a essere il simbolo della genialità, dell’oscurità e, al limite, della follia.

Si accende, per questa grazia, una nuova scala cromatica e si rivela una geometria priva di gravità, che si chiamerà Maniera, portata a spingersi oltre le caratteristiche naturali, verso una visione completamente trasformata, innaturale e labirintica, come una Gnosi. La via è quella delle trasformazioni alchemiche e del moto serpentino: lo spirito esoterico si impadronisce dell’arte religiosa.
Ognuno dei colori che ci colpiscono in questo quadro era un procedimento oltre il colore naturale, verso la luce. La trasformazione della materia in luce era la pratica spirituale, o alchimistica. La cosiddetta “Maniera” sta per il procedimento, l’arte dello yoga, della fusione della materia con la luce.

Pontormo Deposizione

Le figure non indossano abiti attillati, come vuole la vulgata della storia dell’arte, sono corpi che hanno cambiato colore. La trasformazione del corpo yogico o corpo alchemico in pietra dura (perciò il colore traslucente) si manifesta in relazione alla posizione del moto serpentino. Al centro c’è il Vuoto. Accanto al vuoto, o al limite del vuoto, un fazzoletto di accettabile retorica per detergere le lacrime della Madonna, o per asciugare la materia umida che sale dal livello naturale al piano spirituale. O, come avrebbe voluto il Buddha, a significare la compassione per cui si accede al Vuoto. Forse così l’Alchimista raccoglie al mattino la rugiada, per restare tra le retoriche.

Il moto dei tre serpenti è dipinto in sezione circolare. Il blu, centrale, la Grande Madre in gran manto notturno che attorciglia e dipana tutte le potenze, si accende di luce celeste, “il cielo attira il desiderio” scriveva agli yogi Gorakhnath [Gorakh bodh], mentre il rosso e il verde minerali, cingono la mater/ia trasformata/nte, arrotolandosi intorno alla sua spirale che racchiude e fa consistere il vuoto. Susumna, Ida e Pingala, che si unificano in un vortice centrale.

A proposito del colore usato per il verde, forse è Bistro, o fuliggine stemperata, che ha anche altri nomi e procedimenti segreti e pericolosi. Che non è verde, è cromaticamente giallo e nero, residuo di bruciatura, fuoco e purificazione, a cui l’occhio umano può attribuire il colore verde per effetto ottico.
Il Cristo giace imbiancato di cenere, come l’asceta, che veste di cenere o di panni gialli o neri, nell’ascesi/a della morte. E’ il Samadhi dello yogi, è Shiva che giace immobile, come morto, sotto la spira di potenza della Madre Kali, il cui nero di Lapis Niger si sublima nella traslucenza del celeste violetto, che si innalza in preda all’estasi e in compassione.

Scuro di Bistro è il cielo di sfondo e l’autoritratto del pittore, a destra, che si ammanta di fuliggine per umiltà, segno del figlio di Saturno, della macerazione che produce nuova vita,  della conoscenza negativa, del segreto e dell’esilio. Il cielo si vela della stessa Melanconia saturnina, precondizione della salita, non fine, ma luogo della trasformazione, verde come Tara, la prima Kali, che presiede alla Natura Naturans e alla sua felice crudeltà, traslucenza seminale del nero di bistro della Maha Kali, le cui sorelle e controparti sono il bianco della virtù/conoscenza e il rosso del desiderio/volontà, poste a Corona finale attorno alla Fonte da cui si sale affinché il Nettare discenda. Tre colori che lo Yogi intona come suoni per chiamare la risalita della sua potenza, qui dipinte nel loro dinamismo glorioso.

(Eccole infine, le Dame della luce spirituale, le Shakti illuminate, danzanti sulla corona del cranio, accogliere la Madre celeste, nella celebre Visitazione:)

Pontormo-Visitazione1

Un qualche studioso accademico, che non ricordo e non mi sforzo di ricordare, ha detto che la melanconia dell’alchimista dipendeva dal fatto che la Grande Opera falliva. Ecco, fallire come fallì Pontormo.

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

108 Nomi di Shiva

99049209b53d1282e2ec5bde63e9102b

OM SHIVAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio Benevolo (Shiva)

OM MAHESHVARAYA NAMAHA
Mi inchino al Grande Dio Shiva

OM SHAMBHAVE NAMAHA
Mi inchino al Dio della Felicità

OM PINAKINE NAMAHA
Mi inchino al guardiano del Dharma

OM SHASHISHEKHARAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che porta la luna crescente tra i capelli

OM VAMADEVAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che sostiene l’esistente

OM VIRUPAKSHAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio dalla forma perfetta

OM KAPARDINE NAMAHA
Mi inchino al Dio dai capelli intrecciati

OM NILALOHITAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio splendente come il sole a mezzogiorno

OM SHANKARAYA NAMAHA
Mi inchino all’origine di ogni Bene

OM SHULAPANAYE NAMAHA
Mi inchino al Dio che brandisce il tridente

OM KHATVANGINE NAMAHA
Mi inchino al Dio che porta il bastone nodoso

OM VISHNUVALLABHAYA NAMAHA
Mi inchino a Shiva, adorato da Vishnu

OM SHIPIVISHTAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che emana la luce

OM AMBIKANATHAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che è il Signore di Ambika

OM SHRIKANTAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio dalla gola blu

OM BHAKTAVATSALAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che ama i suoi devoti

OM BHAVAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che è l’esistente

OM SARVAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che è la totalità

OM TRILOKESHAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio dei tre mondi

OM SHITAKANTHAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio dal collo bianco

OM SHIVAPRIYAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che è amato da Parvati

OM UGRAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio dal carattere terribile

OM KAPALINE NAMAHA
Mi inchino al Dio che beve nel teschio

OM KAMARAYE NAMAHA
Mi inchino al Dio che vince le passioni

OM ANDHAKASURA SUDANAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che ha ucciso il demone Andhaka

OM GANGADHARAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che porta il fiume Gange tra i capelli

OM LALATAKSHAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che gioca con la creazione

OM KALAKALAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio della liberazione dalla morte

OM KRIPANIDHAYE NAMAHA
Mi inchino al Dio che è la grazia suprema

OM BHIMAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio dalla forza straordinaria

OM PARASHU HASTAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che tiene un’ascia tra le mani

OM MRIGAPANAYAE NAMAHA
Mi inchino al Dio che custodisce le creature

OM JATADHARAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che porta le trecce dei rinuncianti

OM KAILASAVASINE NAMAHA
Mi inchino al Dio che vive sul monte Kailash

OM KAVACHINE NAMAHA
Mi inchino al Dio che protegge

OM KATHORAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che fa crescere ogni cosa

OM TRIPURANTAKAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che distrusse le tre città dei demoni

OM VRISHANKAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che ha il simbolo del toro (Nandi)

OM VRISHABHARUDHAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che cavalca il toro

OM BHASMODDHULITA VIGRAHAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio ricoperto di cenere

OM SAMAPRIYAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che ama il canto

OM SVARAMAYAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che crea con il suono

OM TRAYIMURTAYE NAMAHA
Mi inchino al Dio che è adorato nelle tre forme divine

OM ANISHVARAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio indiscusso

OM SARVAGYAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che conosce ogni cosa

OM PARAMATMANE NAMAHA
Mi inchino al Sè Supremo

OM SOMASURAGNI LOCHANAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che è la luce del sole, del fuoco e della luna

OM HAVISHE NAMAHA
Mi inchino al Dio che riceve le offerte di burro chiarificato

OM YAGYAMAYAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che ha stabilito i riti

OM SOMAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio (che è la luce) lunare

OM PANCHAVAKTRAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio delle cinque azioni

OM SADASHIVAYA NAMAHA
Mi inchino allo Shiva primordiale

OM VISHVESHVARAYA NAMAHA
Mi inchino al Signore del cosmo

OM VIRABHADRAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio dalle gesta eroiche

OM GANANATHAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio dei Gana

OM PRAJAPATAYE NAMAHA
Mi inchino al Creatore primordiale

OM HIRANYARETASE NAMAHA
Mi inchino al Dio che guida le anime elette

OM DURDHARSHAYA NAMAHA
Mi inchino all’essere indefettibile

OM GIRISHAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio delle montagne

OM GIRISHAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio dell’Himalaya

OM ANAGHAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che non incute timore

OM BUJANGABHUSHANAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio coronato di serpenti

OM BHARGAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che purifica dalle colpe

OM GIRIDHANVANE NAMAHA
Mi inchino al Dio che ha per arma la montagna

OM GIRIPRIYAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che ama la montagna

OM KRITTIVASASE NAMAHA
Mi inchino al Dio che si nasconde con la pelle di elefante

OM PURARATAYE NAMAHA
Mi inchino al Dio delle selve

OM BHAGAVATE NAMAHA
Mi inchino al Dio Supremo

OM PRAMATHADHIPAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che è servito dai genii

OM MRITUNJAYAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che vince la morte

OM SUKSHMATANAVE NAMAHA
Mi inchino al Dio più sottile del sottile

OM JAGADVYAPINE NAMAHA
Mi inchino al Dio che permea tutto il mondo

OM JAGADGURAVE NAMAHA
Mi inchino al Dio maestro di tutti i mondi

OM VYOMAKESHAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio i cui capelli riempiono la volta celeste

OM MAHASENAJANAKAYA NAMAHA
Mi inchino al padre di Kartikkeya

OM CHARUVIKRAMAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che protegge i pellegrini in cammino

OM RUDRAYA NAMAHA
Mi inchino a Rudra, che piange la sofferenza dei suoi devoti

OM BHUTAPATAYE NAMAHA
Mi inchino al Signore dei demoni i dei fantasmi

OM STHANAVE NAMAHA
Mi inchino al Dio immobile

OM AHIRBUDHNYAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio della Kundalini

OM DIGAMBARAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio vestito di cielo

OM ASHTAMURTAYE NAMAHA
Mi inchino al Dio dalle otto forme

OM ANEKATMANE NAMAHA
Mi inchino al Dio che è l’anima universale

OM SATVIKAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che è pura energia

OM SHUDDHA VIGRAHAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio situato oltre il dubbio e oltre i conflitti

OM SHASHVATAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio eterno e senza fine

OM KHANDAPARASHAVE NAMAHA
Mi inchino al Dio che spezza con l’ascia

OM AJAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio senza legami

OM PAPAVIMOCHAKAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che spezza le catene

OM MRIDAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio della terra

OM PASHUPATAYE NAMAHA
Mi inchino al Dio degli animali e di tutti i viventi

OM DEVAYA NAMAHA
Mi inchino al Signore degli Dei

OM MAHADEVAYA NAMAHA
Mi inchino al più grande degli Dei

OM AVYAYAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che non muta

OM HARAYE NAMAHA
Mi inchino al Dio che è detto Hari (Vishnu)

OM PASHUDANTABHIDE NAMAHA
Mi inchino al Dio che colpì l’occhio di Bhaga

OM AVYAGRAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che è quieto e immobile

OM DAKSHADHVARAHARAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che distrusse il sacrificio di Daksha

OM HARAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che riassorbe il cosmo

OM BHAGANETRABHIDE NAMAHA
Mi inchino al Dio che punì Pushan

OM AVYAKTAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio invisibile

OM SAHASRAKSHAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio dalle forme illimitate

OM SAHASRAPADE NAMAHA
Mi inchino al Dio che abita e si muove in tutto

OM APAVARGAPRADAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che dà e toglie ogni cosa

OM ANANTAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che non ha fine

OM TARAKAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio che libera l’umanità

OM PARAMESHVARAYA NAMAHA
Mi inchino al Dio Supremo

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Simone Weil: Accettare il vuoto.

Da Simone Weil “L’ombra e la grazia”

« Noi crediamo per tradizione, per quanto riguarda gli dèi, e vediamo per esperienza, per quanto riguarda gli uomini, che sempre, per una necessità di natura, ogni essere esercita tutto il potere di cui dispone » (Tucidide).
Come un gas, l’anima tende ad occupare la totalità dello spazio che le è accordato. Un gas che si restringesse e che lasciasse un vuoto sarebbe contrario alla legge della entropia. Non succede così col Dio dei cristiani. È un Dio sovrannaturale mentre Geova è un Dio naturale.
Non esercitare tutto il potere di cui si dispone, vuol dire sopportare il vuoto. Ciò è contrario a tutte le leggi della natura: solo la grazia può farlo.
La grazia colma, ma può entrare soltanto là dove c’è un vuoto a riceverla; e, quel vuoto, è essa a farlo.
Necessità di una ricompensa, di ricevere l’equivalente di quel che si da. Ma se, facendo violenza a questa necessità, si lascia un vuoto, si produce come una corrente d’aria; e sopravviene una ricompensa sovrannaturale. Non verrebbe se si avesse un diverso salario: è quel vuoto a farla venire.
Accade lo stesso con la remissione dei debiti, (cosa che concerne non solo il male che gli altri ci hanno, fatto. ma anche il bene che abbiamo fatto loro). Anche in questo caso si accetta un vuoto in se stessi.
Accettare un vuoto in se stessi è cosa sovrannaturale. Dove trovar l’energia per un atto che non ha contropartita? L’energia deve venire da un altro luogo. E, tuttavia, ci vuole dapprima come uno strappo, qualcosa di disperato; bisogna, anzitutto, che quel vuoto si produca. Vuoto: notte oscura.
L’ammirazione, la pietà (l’unione di questi due elementi, soprattutto) conferiscono una energia reale. Ma bisogna farne a meno.
Bisogna rimanere qualche tempo senza ricompensa, naturale o sovrannaturale. È necessario farsi una rappresentazione del mondo in cui ci sia del vuoto, perché il mondo abbia bisogno di Dio. Ciò suppone il male.
Amare la verità significa sopportare il vuoto; e quindi accettare la morte. La verità sta dalla parte della morte.
L’uomo sfugge alle leggi di questo mondo solo per la durata di un attimo. Istanti di sosta, di contemplazione, d’intuizione pura, di vuoto mentale, di accettazione del vuoto morale. Sono questi istanti a renderci capaci di sovrannaturale. Chi sopporta per un momento il vuoto, o riceve il pane sovrannaturale, o cade. Terribile rischio, ma è necessario correrlo; e per sino, per un momento, senza speranza. Ma non bisogna precipitarvisi.

df514e0218c4549ab9a4eb84fbeacd15

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Simone Weil: Vuoto e compensazione

da Simone Weil “L’ombra e la grazia”

Meccanica umana. Chiunque soffre cerca di comunicare la sua sofferenza – sia maltrattando, sia provocando la pietà – per diminuirla; e, così facendo, la diminuisce veramente. Colui che è più in basso d’ogni altro, che nessuno compiange, che non ha la possibilità di maltrattare nessuno (se non ha figli, se non ha nessuno che l’ami), la sofferenza gli rimane dentro e lo avvelena. Una cosa simile è perentoria come la pesantezza. Come è possibile liberarsene? Come è possibile liberarsi da quel che è simile alla pesantezza?
Tendenza ad espandere il male fuor di sé; e io l’ho ancora! Gli esseri e le cose non mi sono sacri abbastanza. Così potessi non macchiare io nulla, quand’anche fossi tutta trasformata in fango. Non insozzare nulla, nemmeno nel pensiero. Nemmeno nei momenti peggiori potrei distruggere una statua greca o un affresco di Giotto. Perché lo farei dunque con un’altra cosa? Perché, per esempio, con un istante della vita d’un essere umano, che potrebb’essere un istante felice? Impossibile perdonare a chi ci ha fatto del male, se il male ci abbassa. Bisogna pensare che non ci ha abbassato ma che ha rivelato il nostro reale volto. Per questo, eccetto i periodi di instabilità sociale, i rancori dei miseri hanno di mira i loro simili.
È questo un fattore di stabilità sociale.
Tendenza ad espandere la sofferenza fuor di sé. Se, per eccesso di debolezza, non si può né provocar la pietà né far del male ad altri, si fa del male alla rappresentazione dell’universo in sé.
Ogni cosa bella e buona è allora come un’ingiuria.
Far del male ad altri significa riceverne qualcosa.
Che cosa? Che cosa si è guadagnato (e si dovrà restituire) quando si è fatto del male? Ci si è accresciuti. Ci si è distesi. Si è riempito un vuoto in se stessi creandolo, in un’altra persona. Poter fare impunemente del male agli altri – per esempio adirarsi con un inferiore, quando costui sia obbligato a tacere – significa risparmiarsi un dispendio d’energia, dispendio che viene ad essere, così, assunto dall’altro. Accade lo stesso con la soddisfazione illegittima di un qualsiasi desiderio. L’energia che si è economizzata è così immediatamente degradata. Perdonare. Non si può. Quando qualcuno ci ha fatto del male, si creano in noi determinate reazioni. Il desiderio della vendetta è un desiderio d’equilibrio essenziale. Cercare l’equilibrio su di un altro piano. Bisogna andare da soli fino a quel limite. Là si tocca il vuoto. (Aiutati che il ciel ti aiuta… )
Mali di testa. A un certo punto: dolore diminuito proiettandolo nell’universo; ma l’universo si altera. Dolore più vivo, una volta ricondotto al suo luogo di origine; ma qualcosa in me non soffre e rimane in contatto con un universo non alterato. Agire allo stesso modo con le passioni. Farle discendere, ricondurle ad un punto determinato; e disinteressarsene.
In particolare, trattar così tutti i dolori. Impedire che avvicinino le cose.

La ricerca dell’equilibrio è male, perché è immaginaria. La vendetta. Anche se in realtà si uccide o si tortura il proprio nemico ciò è in un certo senso immaginario.
L’uomo che viveva per la sua città, la sua famiglia, i suoi amici, per arricchirsi, per migliorare la sua situazione sociale, ecc. – una guerra, ed eccolo menato schiavo; e da quel momento, per sempre, deve sfinirsi fino al limite estremo delle sue forze, solo per sopravvivere. Una cosa simile è orrenda, è impossibile; e perciò non si presenta a colui nessuna finalità tanto miserabile che non le si rivolga appassionatamente; foss’anche quella di far punire lo schiavo che lavora al suo fianco. Non ha più la scelta dei suoi fini. Uno qualsiasi è come un ramo per chi annega.
Quelli che avevano avuta distrutta la città e che erano condotti in schiavitù non avevano né più passato né avvenire: di quali oggetti potevano colmare i loro pensieri? Di menzogne; e dei più infimi, dei più pietosi desideri, pronti forse a rischiar piuttosto la crocifissione per rubare un pollo di quanto non fossero stati pronti, prima, alla morte nel combattimento che avrebbe dovuto difendere la loro città. Di certo, anzi; altrimenti quegli orrendi supplizi non sarebbero stati necessari.
Oppure, bisognava poter sopportare il vuoto nel pensiero.
Per aver la forza di contemplare la sventura quando si è sventurati, occorre il pane sovrannaturale.
Il meccanismo che, in una situazione troppo dura, produce l’avvilimento, è dovuto al fatto che l’energia fornita dai sentimenti elevati è – generalmente – limitata; se la situazione esige che si vada oltre quel limite, bisognerà ricorrere a sentimenti bassi (paure, desideri, gusto del primato, degli onori esteriori) più ricchi di energia.
Questa limitazione è la chiave di molti rivolgimenti.
Tragedia di coloro che, essendosi inoltrati per amor del bene in una via dove c’è da soffrire, giungono dopo un certo tempo ai propri confini; e si degradano. Una pietra sul cammino. Gettarsi sulla pietra, come se, a partire da una certa intensità di desiderio, essa non dovesse più esistere. O andarsene come se fossimo noi, a non esistere.
Il desiderio racchiude in sé qualcosa dell’assoluto e se fallisce (una volta esaurita l’energia) l’assoluto si trasferisce su l’ostacolo. Stato d’animo dei vinti, degli oppressi.
Afferrare (in ogni cosa) che c’è un limite e che non sarà possibile oltrepassarlo senza aiuto sovrannaturale (o, altrimenti, di pochissimo) e pagandolo successivamente con un abbassamento terribile.
L’energia liberata dalla sparizione di oggetti che costituivano dei moventi tende sempre ad andare più bassa. (I sentimenti bassi liberano energia già degradata.) Ogni forma di ricompensa è una degradazione di energia.
Il compiacimento di sé dopo una buona azione (o un’opera d’arte) è degradazione di energia superiore. Ecco perché la mano destra deve ignorare ciò che fa la sinistra.
Una ricompensa affatto immaginaria (un sorriso di Luigi XIV) è l’equivalente esatto di quel che si è speso, – al contrario delle ricompense reali che, in quanto tali, sono al di sotto o al di sopra. Così soltanto i vantaggi immaginari forniscono l’energia per sforzi illimitati. Ma bisogna che Luigi XIV sorrida davvero; se non sorride, indicibile privazione. Un re può pagare solo ricompense quasi sempre immaginarie; altrimenti sarebbe insolvibile.
Ad un certo livello, c’è un equivalente nella religione. Non potendo ricevere il sorriso di Luigi XIV, ci si fabbrica un Dio che ci sorrida.
Oppure ci si loda da sé. Una ricompensa equivalente ci è necessaria. Inevitabile come la pesantezza.
Una persona amata che delude. Gli ho scritto. Impossibile che non mi risponda quel che ho detto a me stessa in nome suo.
Gli uomini ci debbono quel che noi immaginiamo ci daranno a rimetter loro questo debito. Accettare che essi siano diversi dalle creature della nostra immaginazione, vuol dire imitare la rinuncia di Dio.
Anch’io sono altra da quello che avrei voluto essere. Saperlo è il perdono.

The Hanged Man by Arthur Duarte
[Immagine: The Hanged Man by Arthur Duarte]

FacebookTwitterGoogle+Pinterest