Meditazioni con i Tarocchi. La stella, La Fortuna, Il Diavolo.

Dal suono puro del progetto divino discende la creazione al piano materiale e da questo decade nella corruzione. Dall’armonia, passando per nascita e la fruizione, si giunge infine alla dissonanza – come se misteriosamente l’onda che aveva spinto le cose a manifestarsi le trascinasse in un vortice, che infinitamente si espande e le travolge e le scompone… Da quella che sembrava la coscienza ragionevole del conoscere le cose in nome e forma, si spalanca l’abisso della non conoscenza, dove tutto si muove per una forza soprannaturale e inconsapevole, che trascina chi lo agita come chi ne resta sopraffatto. Così l’onda della creazione si rompe nella schiuma dell’io, nel suo rumoroso frangersi nella molteplicità e nell’impermanenza, che è forza dinamica e macchina universale, che rovina sostanziando il suono di personalità e di conflitto. Il nome delle cose ha doppia natura, quella che differenziandosi si inoltra nel caos, e quella originaria che resta nel Suono interiore e primordiale, sempre inespresso, sempre potenziale, come il seme sonoro che è Logos supremo, come le figure invisibili degli astri e la loro geometria musicale. Al centro di questa dinamica, la ruota del destino, con la sua immobile vacuità centrale, l’occhio umile e generoso della vacca sacra che dona il suo corpo a farsi dimora di tutti gli dei e osserva senza partecipare le vicende del mondo, che con il suo corpo sostiene senza colpa, come la terra e la volta celeste, nutrendoli con il calore della compassione e il latte dell’amore materno.

3 Replies to “Meditazioni con i Tarocchi. La stella, La Fortuna, Il Diavolo.”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *