Shiva Purana, Satarudra Samhita: quando Shiva si incarnò in Hanuman

[da “Shiva e Dioniso” di Alain Danielou]

A suo tempo Shiva si incarnò nella forma della scimmia chiamata Hanumat, famosa per la sua forza e le sue prodezze. Sin dalla più giovane età Hanumat, la più possente delle scimmie, era di un’audacia estrema. Un mattino prese il sole per un frutto e lo volle divorare ma vi rinunciò a richiesta degli dèi. Si recò da Sugriva, il fratello di Bali, re delle scimmie, che questi aveva esiliato nella foresta. Qui si alleò con Rama, che viveva anch’egli in esilio con il fratello Laksmana e che si lamentava perché il demone Ravana aveva rapito Sita, sua moglie. Rama uccise il potente re delle scimmie, Bali, che era un malvagio. A richiesta di Rama, Hanumat, robusto e scaltro, partì alla ricerca di Sita con un esercito di scimmie. Venuto a sapere che si trovava nella città di Lanka (Ceylon), attraversò il mare con un balzo, cosa che nessuno aveva mai fatto prima, e raggiunse Lanka. Qui, dopo molte prodezza, diede a Sita il segno di riconoscimento che gli aveva affidato Rama e la consolò. Per strada distrusse i giardini di Ravana e uccise molti Raksasa. Uccise il figlio stesso di Ravana. Questa scimmia eroica seminò il disastro al suo passaggio. Infine fu catturata. Ravana le fece avvolgere la coda con stoffe impregnate d’olio e vi diede fuoco. Hanumat ne approfittò per spargere l’incendio nell’intera città, dopo di che saltò in mare, spegnendosi così la coda e raggiunse la riva opposta. Senza dar segno di fatica o sofferenza, consegnò a Rama il gioiello che Sita portava in fronte. Con l’aiuto dell’esercito delle scimmie trasportò pezzi di montagne e costruì un ponte sul mare.

Rama eresse un emblema fallico di Shiva e lo venerò per ottenere la vittoria, poi attraversò il mare e assediò Lanka con l’esercito delle scimmie. L’eroe Hanumat comandò l’esercito di Rama, uccise molti Raksasa. Guarì Laksmana, ferito dal giavellotto.

Distrusse Ravana, la sua famiglia e i suoi servi, poi riaccompagnò Rama e Laksmana al loro eremo. Obbbligò tutti i Raksasa a fare atto di sottomissione a Rama e compì molte imprese. Stabilì nel mondo il culto di Rama. Era incarnazione di Shiva, la risorsa di tutti i suoi fedeli. Aveva salvato la vita di Laksmana e umiliato i titani. E’ chiamato il Messaggero di Rama nel mondo. Protegge coloro che lo venerano.

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

One Reply to “Shiva Purana, Satarudra Samhita: quando Shiva si incarnò in Hanuman”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *