Pensieri e insegnamenti di Swami Sivananda

Meditate sul Signore, il sovrano interiore, l’abitatore del cuore. Meditate sull’eterno che è libero dal dolore, dalla malattia, dalla paura e dalla follia, che è perfettamente pieno, puro, lontano eppure vicino, che l’origine dei cinque elementi, l’obiettivo finale di yogin e saggi, la sorgente della mente , dei sensi e dei Veda, il luogo dove il silenzio regna sovrano, dove si trova la beatitudine immortale, di là del pensiero, il supremo, glorioso splendore dove il pensiero termina, dove non c’è più alcun rumore, né lotta.
Quando hai realizzato l’unità, quando trovi il Brahman ovunque, ci può essere qui e lì? Ci può essere questo e quello? Ci può essere io, tu e lui? Ci può essere uno, due o tre? Una omogenea essenza beata è tutto ciò che esisite. Vi è un solo Brahman – l’infinito. Tutte le differenze e le distinzioni o dualità si dissolvono. Il veggente e il veduto diventano uno. Il meditatore e l’oggetto meditato si fondono. Il pensatore e il pensiero si fondono. Conoscente e conoscibile sono uniti. E’ l’esperienza trascendentale di interezza, perfezione, pienezza, libertà e gioia perenne.

Si può scalare la vetta della perfezione attraverso volontà risoluta, intenso distacco, rinuncia e meditazione rigorosa. Il pensiero del Sublime è molto potente, è una forza di trasmutazione dinamica.
Diligentemente cercate la via della verità, percorretela con attenzione e vigilanza, per evitare di scivolare e cadere. L’amore è innocenza, gentilezza, compassione. Nulla può tentare se si è regolari nella meditazione. Colui che è puro di cuore ha già trovato il divino. La rinuncia all’egoismo è il sentiero diretto per l’eterno.
La conoscenza dell’imperituro conferisce perfetta libertà e indipendenza. Dove c’è egoismo non c’è immortalità, dove c’è immortalità non c’è egoismo. La concentrazione vi conferirà grande potere. Raccogliere i raggi dispersi della mente. Lussuria e avidità portano al fallimento spirituale. La purezza e la meditazione conferiscono l’inesauribile ricchezza divina.
Lo Yogi diventa il maestro costruttore del tempio della verità. Passando per la porta della saggezza – si raggiunge l’illimitato regno della beatitudine eterna. Colui che è dotato di discriminazione, potenza e concentrazione sale rapidamente alla vetta dell’illuminazione. Il tuo vero guru (maestro) è il tuo cuore – è l’abitante, il sovrano interiore.Volontà di liberazione finale è fame di cibo spirituale e di conoscenza dell’eterno. La mente è lo specchio attraverso il quale l’eterno appare come l’universo di nomi e forme. Essere nel mondo – non del mondo. Questo è il più alto yoga. Questa è la saggezza eterna. L’uomo saggio è sempre desideroso di imparare, mai si pone come un maestro.
Questo mondo visibile è lo specchio del Brahman invisibile. Ma sarai schiavo delle circostanze, se non mediti regolarmente. Si può facilmente raggiungere l’illuminazione in solitudine. La solitudine è il suo alone – ci si prepari a una vita in solitudine. Controlla e conservara l’energia attraverso il silenzio, il brahmacarya (celibato) e il pranayama (respirazione yogica), – si otterrò una perfetta meditazione. Ama colui che non ti ama – accrescerà la tua forza. Una perdita di denaro può essere recuperata, ma il tempo perso è perso per sempre. Scopri il tuo centro – il centro è perfetta armonia, beatitudine eterna, la tua anima immortale.

La solitudine è la migliore amica dell’anima. Il silenzio è superiore all’argomentazione. E’ veramente beato chi è soddisfatto in tutte le circostanze. Il dolore distrugge forza, salute, intelligenza e saggezza. Domina dolore attraverso la discriminazione, l’indagine, e la meditazione sull’Atman (il Sé).
La preoccupazione è uno spreco. Evitarla. Piuttosto canta, prega, medita, domandati, pondera e discrimina. Tuffati nella Bhagavad Gita. Diventa senza paura. Ti eleverai al di sopra di ogni preoccupazione.
Sostituisci il dubbio, la disperazione e l’odio, con la fede, la speranza e l’amore. Pensa velocemente e agisci con decisione nei momenti d’emergenza. Il cambiamento è sempre doloroso, ma necessario. Dio sceglie gli umili e gli innocenti per compiere il suo volere.
La vita è una lotta perpetua. Si tratta di un perpetuo morire finché non si è faccia a faccia con Dio. L’uomo è in verità il sacrificio. La natura è la scala su cui si sale fino al Signore. Non mostrate un volto triste – si trasmetterà agli altri.
Siate sempre sorridenti. Allietatevi. Esprimete gioia e allegria, salute e luce. Lasciate che i vostri occhi brillino sempre della luce dell’amore supremo.

Si diventi la personificazione della ricettività. Ci si svuoti del proprio ego meschino. Tutti i tesori racchiusi nel seno della natura saranno vostri. Progredirete fino a raggiungere alla perfezione in un tempo incredibilmente breve. Si diventi puri e incondizionati come la brezza di montagna. Come un fiume scorre in continuità, stabilmente e costantemente fino al suo obiettivo, l’oceano, che la vostra vita scorra così senza cedimenti fino al supremo stato di assoluta Esistenza- Coscienza – Beatitudine, direzionando ogni pensiero, parola e azione verso l’obiettivo.
La luna splende riflettendo lo splendore del sole. La luna piena del giorno di Purnima riflette lo splendore pieno della gloriosa luce del sole. Glorifica il sole. Purificatevi nel fuoco del servizio impersonale e della Sadhana e come la luna piena riflettete la luce gloriosa del Sé. Diventate specchi purissimi dello splendore del Brahman, la luce delle luci. Fate di questo il vostro obiettivo: “Sarò il testimone vivente del divino, il Sole brillante dei soli”.
Solo il Sé supremo è reale. Esso è l’anima di tutto. Esso è tutto in tutto. E’ l’essenza di questo universo. E’ l’unità che non ammette dualità, alla base di tutte le varietà e diversità della natura. Tu sei quel Sé immortale, onni-pervadente, pieno di beatitudine. Tu sei Quello! Realizza ciò e sii libero.

[Brani tratti e adattati da “Sivananda Daily Readings”]

http://www.dlshq.org/

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

One thought on “Pensieri e insegnamenti di Swami Sivananda

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>