Ganapati Upanishad

yam natvâ munaya sarve nirvighnam yânti tat padam |ganeshopanishadvedyam tad brahmaivâsmi sarvagam ||

Proprio quel Brahman sono, onnipresente, celebrato dalla upanishad di Ganesha, a cui sottomessi i saggi avanzano con ininterrotto procedere.

om bhadram karnebhir iti shântih ||
harih om ||

Om! Così felicità venga dall’udire! pace! Signore! Om!

namas te ganapataye | tvam eva pratyaksham tattvam asi | tvam eva kevalam kartâsi | tvam eva kevalam dhartâsi | tvam eva kevalam hartâsi | tvam eva sarvam khalv idambrahmâsi | tvam sâkshâd âtmâsi nityam |

Omaggio a te, Ganapati! Tu invero sei il principio manifesto. Tu soltanto invero sei il creatore. Tu soltanto invero sei il reggitore. Tu soltanto invero sei il distruttore. Tu invero tutto certamente questo Brahman sei. Tu visibilmente sei l’eterno Sé.

rtam vacmi | satyam vacmi | ava tvam mâm | ava vaktâram | ava shrotâram | ava dâtâram | ava dhâtâram | avânûcânam ava shishyam | ava pashcâttât | ava purastât | ava cottarâttât | ava dakshinâttât | ava cordhvâttât | avâdharâttât | sarvato mâm pâhi pâhi samantât |

Annunzio la legge sacra. Annunzio la verità. Tu proteggimi. Proteggi chi proclama. Proteggi chi ascolta. Proteggi chi dà. Proteggi chi concede. Proteggi chi sa ripetere, proteggi il discepolo. Proteggi a occidente. Proteggi a oriente. E proteggi a nord. Proteggi a sud. E proteggi di sopra. Proteggi di sotto. Me ovunque difendi, difendi completamente.

tvam vân:mayas tvam cinmayah | tvam ânandamayas tvam brahmamayah | tvam saccidânandâdvitîyo’si | tvam pratyaksham brahmâsi | tvam jñânamayo vijñânamayo’si | sarvam jagad idam tvatto jâyate | sarvam jagad idam tvattas tishthati | sarvam jagad idam tvayi layameshyati | sarvam jagad idam tvayi pratyeti |

Tu fatto di parola, tu fatto di pensiero; tu fatto di felicità, tu fatto di Brahman; tu sei l’unico Saccidânanda; tu sei il Brahman manifesto; tu sei fatto di conoscenza, fatto di discernimento. Tutto questo mondo da te vien generato. Tutto questo mondo per te si mantiene. Tutto questo mondo in te troverà dissoluzione. Tutto questo mondo in te ritorna.

tvam bhûmir âpo’nalo’nilo nabha | tvam kâlatrayâtîtah | tvam dehatrayâtîtah | tvam mulâdhârasthito’si nityam | tvam shaktitrayâtmakah | tvam yogino dhyâyanti nityam | tvam brahmâ tvam vishnus tvam rudras tvam indras tvam agnis tvam vâyus tvam sûryas tvam candramâs tvam brahma bhûr bhuvah suvar om | ganâdim pûrvam uccârya varnâdim tad anantaram | anusvârah paratarah | ardhendulasitam ||

Tu [sei] terra, acqua, fuoco, aria, etere. Tu [sei] i quattro stati della parola. Tu, di là dalla triade dei guna; tu, di là dalla triade dei tempi; tu, di là dalla triade dei corpi, tu sei in permanenza dimorante nel mûlâdhâra. Su di te [come] essenziato della triade delle potenze, su di te gli yogî costantemente meditano. Tu [sei] Brahmâ, tu Vishnu, tu Rudra, tu Indra, tu Agni [Fuoco], tu Vâyu [Vento], tu Sûrya [Sole], tu Candra [Luna], tu la santa formula Bhûr Bhuvas Suvar Om [Terra, Atmosfera, Cielo, Om]. Il principio dei Gana [G] dapprima avendo emesso, quindi immediatamente il principio de’ suoni [A], [sei] l’anusvâra [m], l’energia del Supremo, sorta dalla mezzaluna.

târena ruddham | etat tava manusvarûpam | gakârah pûrvarûpam | akâro madhyamarûpam | anusvârash cântyarûpam | bindur uttararûpam | nâdah samdhânam | samhitâ samdhih | saishâ ganeshavidyâ | ganaka rshih nicrdgâyatrî chandah | shrîmahâganapatir devatâ | om* gam | (ganapataye namah) | ekadantâya vidmahe vakratundâya dhîmahi | tanno dantî pracodayât ||

[È] tenuta a freno col [mantra] salvifico così la tua forma propria di uomo. La lettera G [costituisce] la forma iniziale, la lettera A la forma intermedia e l’anusvâra la forma ultima. Il punto (bindu) [rappresenta] la forma superiore, la risonanza (nâda) l’unione. La [loro] congiunzione [costituisce] il samdhi. Questa, ecco, [è] la scienza di Ganesha. Abile nel conteggio [delle sillabe è] il poeta (rshi), improntato al gâyatrî [è] il metro. Il glorioso Mahâganapati [è] la divinità. Om*! Gam! (Onore a Ganapati!).
All’Unidentato attentamente guardiamo, su Quegli dalla curva proboscide meditiamo. Quello dalla zanna possa così ispirarci.

ekadantam caturhastam pâsham an:kushadhârinam |abhayam varadam hastair bibhrânam mûshakadhvajam ||
raktam lambodaram shûrpakarnakam raktavâsasam |raktagandhânuliptân:gam raktapushpaih supûjitam ||
bhaktânukampinam devam jagatkâranam acyutam |âvirbhûtam ca srshtyâdau prakrteh purushât param ||
evam dhyâyati yo nityam sa yogî yoginâm varah |

Sull’Unidentato, dalle quattro braccia, su Quegli dal cappio, che porta il pungolo [per elefanti], su Colui che terrore non infonde, l’esauditore dei desideri, che con le [sue] mani sorregge, il cui veicolo è il topo;
sull’amabile, dal ventre prominente, dalle orecchie simili a ventagli sventolanti, dalle vesti rosse, dalle membra cosparse d’unguento dal dolce profumo, su Colui che con fiori rossi è giustamente onorato; sul dio compassionevole verso i suoi devoti, cagion dell’universo, imperituro e manifestatosi nel principio della creazione, di là da prakrti e purusha; su di lui sempre medita lo yogî eccellente tra gli yogî.

namo vrâtapataye namo ganapataye namah pramathapataye namaste’stu lambodarâyaikadantâya vighnavinâshine shivasutâya shrîvaradamûrtaye namo namah ||

Omaggio al Signore dell’Assemblea, omaggio a Ganapati, omaggio al Signore dei Tormentatori [Pramatha], sia reso omaggio a te, a Colui dal ventre prominente, Unidentato, Distruttore degli ostacoli, Figlio di Shiva, gloriosa manifestazione dell’esauditore di desideri. Omaggio! omaggio!

etad atharvashiro yo’dhîte sa brahmabhûyâya kalpate | sa sarvavighnair na bâdhyate | sa sarvatah sukhamedhate | sa pañca mahâpâtakopapâtakât pramucyate | sâyamadhîyâno divasakrtam pâpam nâshayati | prâtaradhîyâno râtrikrtam pâpam nâshayati | sâyamprâtah prayumjâno’pâpo bhavati | dharmârthakâmamoksham ca vindati |

Chi questo sommo insegnamento degli Atharvan recita, riesce nell’identificazione col Brahman. Egli rimuove tutti gli ostacoli, egli sempre al bene s’accompagna, egli si libera dai cinque grandi peccati e dai peccati secondari. Chi lo recita di sera, quel che di giorno ha fatto di male cancella. Chi lo recita di mattina, quel che la notte ha fatto di male cancella. Chi mattino e sera lo recita diviene senza macchia ed ottiene la giustizia, l’utile, il piacere e la liberazione.

idam atharvashîrshama shishyâya na deyam | yo yadi mohâd dâsyati sa pâpîyân bhavati |

Questo sommo insegnamento degli Atharvan non va impartito all’incapace d’istruzione. Chi eventualmente per ignoranza dovesse impartirlo diventa peggiore.

sahasrâvartanâdyam yam kâmam adhîte tam tamanena sâdhayet | anena ganapatim abhishiñcati sa vâgmî bhavati | caturthyâm anashnañ japati sa vidyâvân bhavati | ity atharvanavâkyam | brahmâdyâcaranam vidyât | na bibheti kadâcaneti |

A partire da mille ripetizioni può, trattenendo il respiro, far adempiere quel desiderio a cui si volge il pensiero. [Se] con il respiro [quale un olio santo] unge Ganapati, egli eloquente diviene. [Se] nel quarto [giorno della quindicina lunare] a digiuno [lo] recita, egli diviene sapiente. Così la sentenza degli Atharvan. In virtù di [tale] scienza [ottiene] il primo approssimarsi al Brahman; così non ha timore giammai.

yo dûrvân:kurair yajati sa vaishravanopamo bhavati | yo lâjair yajati sa yashovân bhavati | sa medhâvân bhavati | yo modakasahasrena yajati sa vâñchitaphalam avâpnoti | yah sâjyasamidbhir yajati sa sarvam labhate sa sarvam labhate | ashtau brâhmanân samyaggrâhayitvâ sûryavarcasvî bhavati | sûryar grahe mahânadyâm pratimâsamnidhau vâ japtvâ siddhamantro bhavati | mahâvighnât pramucyate | mahâpâpât pramucyate | mahâdoshât pramucyate | sa sarvavid bhavati sa sarvavid bhavati | ya evam vedety upanishat ||

Colui che sacrifica con fili di erba dûrvâ diviene l’altissimo Vaishravana. Colui che sacrifica con grano arrostito diviene il Glorioso. Egli diviene il Saggio. Colui che sacrifica con mille dolci, quegli raccoglie il frutto desiderato. Colui che sacrifica con bruciamenti di burro chiarificato egli tutto ottiene, egli tutto ottiene. Otto brâhmana insieme avendo fatto raccogliere, diviene splendente come il Sole. Il Sole in eclissi, effettuata la recitazione entro la [corrente della] Mahânadî o in presenza d’una statua, diviene il siddhamantra: vien liberato dal grande ostacolo; dal gran peccato vien liberato; dalla grand’oscurità vien liberato: quei diventa onnisciente, quei diventa onnisciente che in tal modo ha conosciuto. Così l’upanishad.

harih om tat sat ||
om bhadram karnebhir iti shânti

Signore! Om! Quello è la realtà!
Om! Così felicità venga dall’udire! pace!

iti ganapatyupanishat samâptâ ||

Fine dell’Upanishad di Ganapati.

[Traduzione Dario Chioli: www.superzeko.net/tradition/Ganapatyupanishad.pdf ]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *