Perchè adorare la Madre Divina (Sri Chandrasekharendra Saraswati Sw.)

In questo mondo noi mortali siamo talmente sopraffatti dall’ ajnana (ignoranza) tanto che sebbene sappiamo una cosa sbagliata, siamo costretti comunque a farla. L’ajnana è la malattia che si può curare solo con l’Jnana (illuminazione, Conoscenza suprema). Solo la Madre Divina può offrire il latte dell’Jnana, liberandoci dall’ignoranza e saziando la fame della nostra anima. Un bambino pensa la madre e il latte che gli darà, e desidera entrambi. Allo stesso modo noi dobbiamo desiderare la grazia della Madre Divina per ottenere da Lei il latte della realizzazione. A questo scopo dobbiamo pensare sempre a Lei e pregarLa.

Il tempo a nostra disposizione, dopo aver svolto i nostri doveri essenziali, si deve impiegare nella contemplazione della Madre Divina. Se non rivolgiamo la mente nella sua direzione, quando non abbiamo altro da fare, la mente incomincerà a vagare per strade devianti. Se invece pensiamo a Lei, non solo eviteremo azioni errate, ma verremo nutriti da Lei con il latte dell’Jnana. Per ricompensa riceveremo la grazia di Saraswati, Dea dell’istruzione, e di Lakshmi, Dea della prosperità. E non solo, troveremo anche la salute fisica e l’ aspetto radioso della perfetta salute. Inoltre verremo benedetti da una lunga vita.

E dunque, una lunga vita, la salute, il benessere e la conoscenza – a cosa servono? L’Jnana spezzerà la corda dell’ajnana, che lega l’anima al mondo e ci riduce a bestie (pasu). Quando il nodo è spezzato, l’anima liberata si unisce alla Beatitudine senza limiti e infinita, Parananda. E non saranno più timore, sofferenza o dolore. Dunque, l’effetto dell’adorazione della Madre Divina è la realizzazione dello scopo della vita – l’unione dell’anima con il Paramatma.

FacebookTwitterGoogle+Pinterest

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>